• citybg
  • citybg

Parco Nazionale dell'Asinara

Area naturale protetta

L'Isola dell'Asinara è oggi una delle più importanti aree protette della Sardegna ed è accessibile tramite collegamento marittimo con specifici battelli dal porto di Stintino. Il terriotorio è caratterizzato da natura selvaggia, spiagge di sabbia bianca (tra le più conosciute, Cala d’Arena e Cala d’Oliva) e mare cristallino.

Per la sua incredibile fauna e flora marina, la presenza di grandi cetacei, delfini, capodogli, balenottere e reperti archeologici sommersi, il Parco Nazionale dell'Asinara rappresenta un vero e proprio paradiso del diving. L'Isola è caratterizzata inoltre da una ricca varietà di flora e di fauna. Particolarmente noti sono i tipici asinelli albini completamente bianchi e con gli occhi azzurri che potete incontrare nei vari sentieri del Parco poichè vivono in branchi allo stato selvatico.

Attività ed Escursioni

Cosa Fare nel Parco Nazionale dell’Asinara

Sono numerose le attività che si possono svolgere all'interno del Parco:

  • Escursione guidata con il trenino attraverso i sentieri dell'isola
  • Escursione guidata con fuoristrada per piccoli gruppi
  • Escursione a piedi: mediante l'utilizzo delle apposite mappe e seguendo i percorsi guidati presenti all'interno del Parco, è possibile percorrere l'isola a piedi
  • Escursione di pesca turismo insieme ai pescatori locali autorizzati. Si parte dal porto di Stintino per arrivare alle acque dell'area marina protetta.
  • Immersioni nell'area marina protetta
  • Escursioni in barca a vela per piccoligruppi accompagnate da operatori autorizzati
  • Escursioni in bicicletta: per chi ama le due ruote è possibile visitare i sentieri dell'intera isola con la propria bicicletta
  • Escursioni a cavallo: un'avventura unica e davvero indimenticabile!

Punti di interesse

Cosa Fare nel Parco Nazionale dell’Asinara

Il carcere di Fornelli è stato la prima struttura carceraria costruita sull'isola. Dismesso nel 1998, questo carcere è stato utilizzato durante gli Anni di piombo per la reclusione di membri delle Brigate Rosse. In quell'occasione furono attrezzate le celle di massima sicurezza. All'Asinara soggiornarono i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

Oltre al penitenziario, sull'isola è presente un ossario austro-ungarico, risalente all'epoca della prima guerra mondiale, l'Ospedale delle Tartarughe e l'Osservatorio Faunistico del Parco.